Forum: Italian Ruby user group Re: [jobs] Ricerca sviluppatore Ruby On Rails - Related

Dde61819bc154a68a11a41b605ff6b24?d=identicon&s=25 Giovanni Intini (Guest)
on 2013-10-01 19:46
(Received via mailing list)
>
> io personalmente ho preferito la via dell'estero come dipendente
> piuttosto che la vita del libero professionista in italia, ed al
> momento non me ne pento.


E non posso biasimarti affatto :)
054fb3d4fc53f1a1f99b751fc9c627f8?d=identicon&s=25 Sergio Berisso (Guest)
on 2013-10-01 19:48
(Received via mailing list)
Il giorno 01 ottobre 2013 19:46, Giovanni Intini <intinig@pme.it> ha
scritto:

> > io personalmente ho preferito la via dell'estero come dipendente
> > piuttosto che la vita del libero professionista in italia, ed al
> > momento non me ne pento.
>
> E non posso biasimarti affatto :)


Assolutamente d'accordo :)

S.
5ce16d85034e08079db3cafeb5b8ff09?d=identicon&s=25 Davide Rambaldi (Guest)
on 2013-10-01 20:00
(Received via mailing list)
Sarebbe utile (se esiste non la conosco) una piattaforma "social" per
sviluppatori in cui poter recensire e votare le aziende sul territorio
italiano, in questo modo sarebbe pi facile valutare le offerte di
lavoro.

idea malvagia...


Il giorno 01 ottobre 2013 19:47, Sergio Berisso
<sergio.berisso@gmail.com>ha scritto:
D8858ab3c0a4788b637e8f56e01dff5f?d=identicon&s=25 Giordano Scalzo (giordano)
on 2013-10-01 23:44
(Received via mailing list)
Ma la domanda :
c' un giro di business tale per cui si riesca a generare abbastanza
denaro per pagare i dev 60K?
Temo che il punto sia questo, come dice giustamente Giovanni:
 le aziende pagano due lire, perch hanno due lire
i tempi delle vacche grasse e delle body rental  finito da un pezzo

Ciao
-Giordano
5ffafe70176a99f175d16192fd5be69e?d=identicon&s=25 Luca P. (luca_p)
on 2013-10-02 05:48
(Received via mailing list)
Il denaro manca perché lo Stato ce lo aspira tutto e lo usa per... non
si sa.

Inviato da iPhone

Il giorno 01/ott/2013, alle ore 23:44, Giordano Scalzo
<giordano.scalzo@gmail.com> ha scritto:
054fb3d4fc53f1a1f99b751fc9c627f8?d=identicon&s=25 Sergio Berisso (Guest)
on 2013-10-02 09:21
(Received via mailing list)
Il giorno 01 ottobre 2013 23:44, Giordano Scalzo
<giordano.scalzo@gmail.com>ha scritto:

> Ma la domanda :
> c' un giro di business tale per cui si riesca a generare abbastanza
> denaro per pagare i dev 60K?
> Temo che il punto sia questo, come dice giustamente Giovanni:
>  le aziende pagano due lire, perch hanno due lire
> i tempi delle vacche grasse e delle body rental  finito da un pezzo
>

Vero.
Ma se le aziende creassero prodotti di ottima qualit, tali da competere
nel mondo con tutti ?
Internet, miliardi di persone non  un mercato sufficiente ?
Tra l'altro le aziende italiane che vanno bene anche in tempi di crisi
fanno molto export.
E pare che la piccola ripresa di cui si parlava sia creata proprio da
export, mercati fuori Italia.

S.
8bc38b2e4e00c4df2a7f1dcdc46802f9?d=identicon&s=25 Riccardo Lucatuorto (riccardo_l)
on 2013-10-02 09:30
(Received via mailing list)
2013/10/2 Sergio Berisso <sergio.berisso@gmail.com>

> Il giorno 01 ottobre 2013 23:44, Giordano Scalzo
> <giordano.scalzo@gmail.com>ha scritto:
>


>
> Vero.
> Ma se le aziende creassero prodotti di ottima qualit, tali da competere
> nel mondo con tutti ?

Internet, miliardi di persone non  un mercato sufficiente ?
> Tra l'altro le aziende italiane che vanno bene anche in tempi di crisi
> fanno molto export.
> E pare che la piccola ripresa di cui si parlava sia creata proprio da
> export, mercati fuori Italia.
>
> S.
>

Mah, ti posso confermare che lo stipendio rimane sempre quello standard
italiano, sinceramente non ho mai visto aziende italiane pagare bene,
export o non export


--
Riccardo
--
L'esperienza  quello che ottieni quando non ottieni quello che desideri.
054fb3d4fc53f1a1f99b751fc9c627f8?d=identicon&s=25 Sergio Berisso (Guest)
on 2013-10-02 09:41
(Received via mailing list)
Il giorno 02 ottobre 2013 09:29, Riccardo Lucatuorto
<gnuduncan@gmail.com>ha scritto:

> Mah, ti posso confermare che lo stipendio rimane sempre quello standard
> italiano, sinceramente non ho mai visto aziende italiane pagare bene,
> export o non export


Dipende cosa intendi per bene.
Se bene  come Londra probabilmente non lo sar mai (forse anche per i
problemi citati prima ... burocrazia, quindi costi in pi, fisco pesante,
ecc..)
Comunque se qualcuno lo pu fare probabilmente sono le aziende citate da
Giovanni.
Nel tempo, con la crescita.
Se quelle nuove aziende sono guidate da persone differenti.
Proprietari e manager che gi conosciamo.
Che per filosofia e strategia aziendale pagano poco.
Export o non export :)

S.
8bc38b2e4e00c4df2a7f1dcdc46802f9?d=identicon&s=25 Riccardo Lucatuorto (riccardo_l)
on 2013-10-02 09:44
(Received via mailing list)
Fino a che le tasse sul lavoro non vengono diminuite inutile sperare in
aumenti consistenti degli stipendi, se l'azienda paga 2 ed a te arriva
1...


2013/10/2 Sergio Berisso <sergio.berisso@gmail.com>

> problemi citati prima ... burocrazia, quindi costi in pi, fisco pesante,
> _______________________________________________
> Ml mailing list
> Ml@lists.ruby-it.org
> http://lists.ruby-it.org/mailman/listinfo/ml
>



--
Riccardo
--
L'esperienza  quello che ottieni quando non ottieni quello che desideri.
054fb3d4fc53f1a1f99b751fc9c627f8?d=identicon&s=25 Sergio Berisso (Guest)
on 2013-10-02 09:52
(Received via mailing list)
Il giorno 02 ottobre 2013 09:43, Riccardo Lucatuorto
<gnuduncan@gmail.com>ha scritto:

> Fino a che le tasse sul lavoro non vengono diminuite inutile sperare in
> aumenti consistenti degli stipendi, se l'azienda paga 2 ed a te arriva 1...


Mah ... volendo ci sono altre strade.
Uscendo dal solito schema azienda italiana (tipica srl), dipendenti
italiani in Italia (con il fisco italiano che si trascina dietro i
problemi
economici, culturali, sociali del paese)

Cambia azienda :)
Proprietari e manager di quella dove sei ragionano con vecchi schemi.
Probabilmente la situazione l non cambier mai.

S.
8768bcdbda1adf80e4da6744268868af?d=identicon&s=25 Pietro Giorgianni (giorgian)
on 2013-10-02 09:53
(Received via mailing list)
Il 02 ottobre 2013 09:43, Riccardo Lucatuorto <gnuduncan@gmail.com> ha
scritto:
> Fino a che le tasse sul lavoro non vengono diminuite inutile sperare in
> aumenti consistenti degli stipendi, se l'azienda paga 2 ed a te arriva 1...

No, scusa, qui il conto non quadra: anche contando le tasse, facendo
due conti, i 60k londinesi dovrebbero comunque corrispondere, minimo
minimo, a 40k.
A meno che per 60k non s'intendano sterline, nel qual caso
corrisponderebbero a pi di 45k.

Quindi il problema non  che l'azienda paga due e a te arriva 1,  che
l'azienda paga 1/2 scarso e devi dire pure grazie.


pietro
8bc38b2e4e00c4df2a7f1dcdc46802f9?d=identicon&s=25 Riccardo Lucatuorto (riccardo_l)
on 2013-10-02 09:56
(Received via mailing list)
Ce ne fossero lo farei :)


2013/10/2 Sergio Berisso <sergio.berisso@gmail.com>

> italiani in Italia (con il fisco italiano che si trascina dietro i problemi
> http://lists.ruby-it.org/mailman/listinfo/ml
>



--
Riccardo
--
L'esperienza  quello che ottieni quando non ottieni quello che desideri.
054fb3d4fc53f1a1f99b751fc9c627f8?d=identicon&s=25 Sergio Berisso (Guest)
on 2013-10-02 10:10
(Received via mailing list)
Il giorno 02 ottobre 2013 09:55, Riccardo Lucatuorto
<gnuduncan@gmail.com>ha scritto:

> Ce ne fossero lo farei :)


Va b ... se cerchi solo vicino casa ;)

S.
B55d9706b57e8d286a4f198daf2ac69c?d=identicon&s=25 Andrea Dallera (edwin_bolthar)
on 2013-10-02 10:15
(Received via mailing list)
Le tasse sul lavoro sono uno dei problemi, ma di gran lunga non IL
problema.

Il problema  che non si danno stipendi da manager a te pleb code monkey.

Basta vedere cosa succede in paesi con tassazioni sul lavoro simili alle
nostre (Francia, Norvegia) e comparare gli stipendi offerti.

Andrea

--

http://usingimho.wordpress.com
http://github.com/bolthar

----------------------------------------------------------------------

Da:       ml-bounces@lists.ruby-it.org
A:           &quot;ruby-it&quot; ml@lists.ruby-it.org
Cc:
Data Wed, 2 Oct 2013 09:43:21 +0200
Oggetto: Re: [ruby-it] [jobs] Ricerca sviluppatore Ruby On Rails -
Related
054fb3d4fc53f1a1f99b751fc9c627f8?d=identicon&s=25 Sergio Berisso (Guest)
on 2013-10-02 10:22
(Received via mailing list)
Il giorno 02 ottobre 2013 10:15, Andrea Dallera
<andrea@andreadallera.com>ha scritto:

> Il problema  che non si danno stipendi da manager a te pleb code monkey
>

Appunto ... stupidit, miopia, ignoranza.
Vecchi schemi, come dicevo.

S.
6aefcbf4d0ffffd2d7abdf4344cead8f?d=identicon&s=25 Sante Gennaro Rotondi (Guest)
on 2013-10-02 10:23
(Received via mailing list)
Sono molto contento della discussione che ho generato e la sto seguendo
con interesse :)

Vedi che ogni tanto non siamo gli stessi 3-4 gatti!


Il giorno 02/ott/2013, alle ore 10:15, "Andrea Dallera"
<andrea@andreadallera.com> ha scritto:

> Le tasse sul lavoro sono uno dei problemi, ma di gran lunga non IL problema.
>
> Il problema  che non si danno stipendi da manager a te pleb code monkey.
>
> Basta vedere cosa succede in paesi con tassazioni sul lavoro simili alle nostre
(Francia, Norvegia) e comparare gli stipendi offerti.
>
> Andrea
>

Andrea, mi piacerebbe approfondire l'argomento Francia / Norvegia. Hai
un link in merito?

PS: ma quindi  tutta e solamente questione di soldi?
8bc38b2e4e00c4df2a7f1dcdc46802f9?d=identicon&s=25 Riccardo Lucatuorto (riccardo_l)
on 2013-10-02 10:24
(Received via mailing list)
Effettivamente devo concorda, ci pagano come operai metalmeccanici,
magari
specializzati...


2013/10/2 Sergio Berisso <sergio.berisso@gmail.com>

> _______________________________________________
> Ml mailing list
> Ml@lists.ruby-it.org
> http://lists.ruby-it.org/mailman/listinfo/ml
>



--
Riccardo
--
L'esperienza  quello che ottieni quando non ottieni quello che desideri.
F9710475ef25a597270fb24ec3298883?d=identicon&s=25 Antonio Carpentieri (Guest)
on 2013-10-02 10:25
(Received via mailing list)
Io quello che dico quando salta fuori il discorso (scusate ma  trito e
ritrito)  il seguente pensiero:
In Italia la carriera tecnica  cappata se vuoi fare SOLDI devi diventare
un manager.
Non che all'estero sia sempre vero il contrario ma lo sviluppatore non
visto come un operaio.

avete letto la transizione a "No Manager" di treehouse [1]?
I soldi si guadagnano con il rispetto, la stima e la fiducia dei
colleghi
di progetto,  un esperimento ma l'idea  intrigante.

[1] http://ryancarson.com/


2013/10/2 Andrea Dallera <andrea@andreadallera.com>
054fb3d4fc53f1a1f99b751fc9c627f8?d=identicon&s=25 Sergio Berisso (Guest)
on 2013-10-02 10:25
(Received via mailing list)
Il giorno 02 ottobre 2013 10:23, Sante Gennaro Rotondi
<saten.r@gmail.com>ha scritto:

> PS: ma quindi  tutta e solamente questione di soldi?


Bella domanda :)

S.
054fb3d4fc53f1a1f99b751fc9c627f8?d=identicon&s=25 Sergio Berisso (Guest)
on 2013-10-02 10:31
(Received via mailing list)
Il giorno 02 ottobre 2013 10:24, Antonio Carpentieri <a.carpe@gmail.com>
ha
scritto:

> avete letto la transizione a "No Manager" di treehouse [1]?
> I soldi si guadagnano con il rispetto, la stima e la fiducia dei colleghi
> di progetto,  un esperimento ma l'idea  intrigante.
>
> [1] http://ryancarson.com/


Molto interessante, grazie.

http://ryancarson.com/post/61562761297/no-managers...
http://ryancarson.com/post/61606695537/part-2-no-m...

S.
B55d9706b57e8d286a4f198daf2ac69c?d=identicon&s=25 Andrea Dallera (edwin_bolthar)
on 2013-10-02 10:38
(Received via mailing list)
Non *tutta* una questione di soldi ma dimmi te, come si fa a 2x anni a
pensare di comprare una casa o avere una vita normale prendendo 1x00
euro al mese?

E non  che sono 1x00 al mese *per adesso*, non c' nessuna prospettiva o
possibilit di fare meglio.

L' Italia  una bolla in Europa dove si pensa che pagare la professione
pi richiesta al momento come manodopera non specializzata sia normale.
Dove quando vai a chiedere di fare il dipendente per met della cifra che
ti offrono all' estero il capo, che si sta tirando fuori 10000 euro al
mese (non mettere i dati sull' istanza di sqlserver su cui lavoro se non
vuoi che li veda) e va in giro col piattino a piangere che c' la crisi,
ti dice "mi spiace ma quello che chiedi tu  uno stipendio da
supermanager".

La bolla scoppier prima o poi. Immagino.

Scusate lo sfogo ma ne ho veramente pieni i coioni.

Andrea

--

http://usingimho.wordpress.com
http://github.com/bolthar

----------------------------------------------------------------------

Da:       ml-bounces@lists.ruby-it.org
A:           &quot;ruby-it&quot; ml@lists.ruby-it.org
Cc:
Data Wed, 2 Oct 2013 10:25:15 +0200
Oggetto: Re: [ruby-it] [jobs] Ricerca sviluppatore Ruby On Rails -
Related
054fb3d4fc53f1a1f99b751fc9c627f8?d=identicon&s=25 Sergio Berisso (Guest)
on 2013-10-02 10:40
(Received via mailing list)
Il giorno 02 ottobre 2013 10:30, Sergio Berisso
<sergio.berisso@gmail.com>ha scritto:

> Molto interessante, grazie.
>
>
>
http://ryancarson.com/post/61562761297/no-managers...
>

Alan, my Co-Founder, and I started exploring possible solutions and
considered removing the lowest layer of managers and asking them to go
back
into producing (which is what they were originally hired for)

In my experience, managers started off as workers and then moved up the
ladder, getting farther and farther from the front line. They gained
power
but slowly lost their touch with the day-to-day realities of talking to
customers and actually creating solutions to their problems. The
managers
team lost respect for them because they could no longer produce, which
means they would set unrealistic deadlines

Ecco l ... tipico problema di una media - grande azienda italiana.

S.
5ffafe70176a99f175d16192fd5be69e?d=identicon&s=25 Luca P. (luca_p)
on 2013-10-02 10:43
(Received via mailing list)
Questo. Mille volte questo.
Ed ecco perch la mia avventura da libero professionista si sta
concludendo, almeno su questa sponda dell'Atlantico.

--
Luca Pradovera
luca.pradovera@gmail.com
656a424090d82cf108c754be9e07d5b0?d=identicon&s=25 Giorgio Robino (solyaris)
on 2013-10-02 13:15
Ciao Antonio, tutti

ho 50 anni ..
ho iniziato a lavorare nell'informatica nel 1984
ho fatto la "carriera" che negli anni '80 / '90 era usuale per un
informatico in Italy, e la mia esperienza è quella che descrivi tu...:
ho iniziato a programmare in C ..
ho fatto l' "analista programmatore" come "body rented" :-) in aziende
di consulenza
ho fatto il manager in multinazionali enormi.
poi la mia ultima multinazionale (milano-based) è andata in crisi (ma
và?!)
mobbing -> buono uscita -> tornato a casa.
ora faccio il freelance e sono "tornato" al mio lavoro delle origini, sw
develop. anche in ruby (on rails).

Ancor prima di laurearmi, già lavoravo come monkey (con cravatta) per
una banca italiana,
ovviamente lavorando nella solito sistema mafioso della scatola cinese
dei subappalti...
e la azienda per cui lavoravo er al'ultima ruota del carro ... :-(

Vabbè, Lì un giorno andai dal mio capo (una persona con i coglioni,
anche lui in subappalto, uno che aveva vissuto negli USA, uno che era
coautore di un libro OO database, per cui massimo rispetto ... ). Mi
lamentavo di avere uno stipendo troppo basso:
Lui mi guardò e disse: "Giorgio, devi laurearti e andare via
dall'Italia. Per avere uno stipendio decente, come softwaerista, devi
ander in US"

L'aumento di stipendio non lo presi..., ma presi buono il suo consiglio
e mi "omologai" al fare il percorso da pm ... restando in Italia però
... E' finita come dicevo sopra,  e sono d'accordo con chi diceva qui,
che ormai sono pure finiti gli anni del "body rental" ... :-(

A riguardo degli stipendi di Londra (di programmatori Ruby on Rails):
pare vero che siano elevati, ma è vero anche che il costo della vita a
Londra ed il fatto che si tratta spesso di contratti "temporary" rendono
difficile la decisione di andar su...
Personalmente, con i soliti cacciatori di teste RoR di Londra, ho
provato a proporre gestione di progetti in remoto, ma la cosa in realtà
non mi pare funzioni... è probabile che ci sia da una parte un
pregiudizio su presunto mafioso-italico style, e va detto che, se è vero
che gli stipendi appaiano alti... l'approccio che vedo hanno il 100% dei
head hunters ruby è quello di ricerca di programmatori puri, body (head)
rental monkeys appunto... il che cozza con un meccansimo di lavoro a
progetto (nel senso no-body-rental!)

Però quello che non capisco è perchè lavorare noi Italiani in remoto non
possa funzionare ... paradossalmente, in questo scenario, saremmo noi
LAVORATORI ITALIANI ad avere un COSTO DEL LAVORO più basso di quello
londinese ... no ?!

Probabilmente qui davvero manca un marketplace (nel senso che in
generale non c'è un sistema di domanda-offera a livello inter-nazionale)


Infine, tornando al nostro piccolo di domanda-offerta nel settore
sviluppo sw ror, effettivamente sarebbe utile un marketplace (neel senso
di sitarello web questa volta)

my "two" cents
giorgio http://about.me/solyaris




Antonio Carpentieri wrote in post #1123164:
> In Italia la carriera tecnica  cappata se vuoi fare SOLDI devi diventare
> un manager.
> Non che all'estero sia sempre vero il contrario ma lo sviluppatore non
> visto come un operaio.
054fb3d4fc53f1a1f99b751fc9c627f8?d=identicon&s=25 Sergio Berisso (Guest)
on 2013-10-02 13:45
(Received via mailing list)
Il giorno 02 ottobre 2013 13:15, Giorgio Robino
<giorgio.robino@gmail.com>ha scritto:

> Per quello che non capisco  perch lavorare noi Italiani in remoto non
> possa funzionare ... paradossalmente, in questo scenario, saremmo noi
> LAVORATORI ITALIANI ad avere un COSTO DEL LAVORO pi basso di quello
> londinese ... no ?!
>

In realt a quanto mi dicevano colleghi funzionicchia (un po')
O sta iniziando a funzionare per alcune realt.

Nel senso che alcune startup, piccole imprese, imprese nascenti (per
esempio fatte da italiani come Limited inglese o Inc americana) iniziano
o
stanno iniziando ad avere collaboratori da remoto in Italia.

Il modello Capobianco che ormai  abbastanza noto, o sbaglio ?
http://prezi.com/vekgxh6drtbb/why-italy/


> Infine, tornando al nostro piccolo di domanda-offerta nel settore
> sviluppo sw ror, effettivamente sarebbe utile un marketplace (neel senso
> di sitarello web questa volta)
>

Tipo http://www.starbytes.it/ di Reply ?
:-)

S.

p.s. Giorgio 2 cents belli lunghi :-D
656a424090d82cf108c754be9e07d5b0?d=identicon&s=25 Giorgio Robino (solyaris)
on 2013-10-02 14:15
ciao Sergio,

> Il modello Capobianco che ormai  abbastanza noto, o sbaglio ?
> http://prezi.com/vekgxh6drtbb/why-italy/

il "modello" non lo conoscevo  :-( ma mi ricordo di Capobianco quando
era boss in TIBCO... (bei tempi in cui ero "cliente" di TIBCO ),
poi ho perso contatti... interessante però eh, grazie! :-)

> Tipo http://www.starbytes.it/ di Reply ?

tipo ...  mmhh... devo guardare meglio,
questa mi pare più che altro una iniziativa di crowdfounding
fatta da azienda privata di consulenza IT...

non dico che non sia OK, ma pensavo (giusto come idea) più banalmente al
classico "marketplace" con un modello di business ... non
necessariamente profit, fatta da/per comunità di sviluppatori ...
con un qualche meccanismo da definire di raking delle aziende che
offorno lavoro e delle persone che prestano servizi (saremmo noiartri
monkeys)... e con una gestione della black list delle aziende che non
pagano ... hi hi hi :-)

> p.s. Giorgio 2 cents belli lunghi :-D

in generale, la sintesi o è punto di arrivo di un pensiero, o è solo
furbizia mentale :-D

un saluto
321db48bf4bdf48da05e781325aed20a?d=identicon&s=25 Maurizio De magnis (olistik)
on 2013-10-02 15:46
(Received via mailing list)
Aggiungo altri 2 cent al calderone :-)

È vero che ci sono molti vincoli e che spesso le risorse necessarie
semplicemente non sono presenti.

È altrettanto vero che sono diffusissime queste problematiche:

- non si dice di no al cliente (e guarda caso, quando lo si fa, si
ottengono spesso ottimi risultati)
- i bravi dev non vengono valorizzati
- elevata attitudine al procrastinamento
- elevato lassismo comunicativo
- scarsa attitudine all'ottimizzazione dei processi
- visione "noi/loro" => "io dev/società penso che la società/il dev mi
fregherà appena ne avrà l'occasione"

n.b.: non voglio atteggiarmi a prima donna, con "bravi dev" mi riferisco
ad
un subset di persone con le quali ho avuto l'onore di collaborare in
passato.



2013/10/2 Giorgio Robino <giorgio.robino@gmail.com>
054fb3d4fc53f1a1f99b751fc9c627f8?d=identicon&s=25 Sergio Berisso (Guest)
on 2013-10-02 16:01
(Received via mailing list)
Il giorno 02 ottobre 2013 15:45, maurizio de magnis <
maurizio.demagnis@gmail.com> ha scritto:

> Aggiungo altri 2 cent al calderone :-)
>
>  vero che ci sono molti vincoli e che spesso le risorse necessarie
> semplicemente non sono presenti.
>
>  altrettanto vero che sono diffusissime queste problematiche:
>

[...]

Si ma ... soluzioni non problemi.
I problemi li sappiamo gi.

S.

p.s. ciao Maurizio, buona giornata :)
Eda3d93f49a394d603bd5ecd7c821269?d=identicon&s=25 Andrea Pavoni (apeacox)
on 2013-10-02 16:32
(Received via mailing list)
Il giorno 02/ott/2013, alle ore 16:00, Sergio Berisso
<sergio.berisso@gmail.com> ha scritto:

> Si ma ... soluzioni non problemi.
> I problemi li sappiamo gi.



e se avessimo le soluzioni staremmo qui a parlarne? :-D

A.


--
http://andreapavoni.com
321db48bf4bdf48da05e781325aed20a?d=identicon&s=25 Maurizio De magnis (olistik)
on 2013-10-02 16:34
(Received via mailing list)
2013/10/2 Sergio Berisso <sergio.berisso@gmail.com>
[cut]

> Si ma ... soluzioni non problemi.
>

Soluzione di base: "più fiducia l'un l'altro" :-)

Periodo di prova del dev per 1 settimana/1 mese.
Non considerare il remote come un male.
Fare retrospettiva.
Supportarsi da strumenti comunicativi adeguati.
Azzardarsi a dire di no al cliente quando serve.

p.s. ciao Maurizio, buona giornata :)
>

ue, ciao :-)
054fb3d4fc53f1a1f99b751fc9c627f8?d=identicon&s=25 Sergio Berisso (Guest)
on 2013-10-02 16:49
(Received via mailing list)
Il giorno 02 ottobre 2013 16:31, Andrea Pavoni <apeacox@gmail.com> ha
scritto:

> e se avessimo le soluzioni staremmo qui a parlarne? :-D
>

Egoiste http://www.youtube.com/watch?v=2JSRXtH3wRk
:-)

Give back ... quando trovi una soluzione.

S.
054fb3d4fc53f1a1f99b751fc9c627f8?d=identicon&s=25 Sergio Berisso (Guest)
on 2013-10-02 16:50
(Received via mailing list)
Il giorno 02 ottobre 2013 16:33, maurizio de magnis <
maurizio.demagnis@gmail.com> ha scritto:

> Soluzione di base: "pi fiducia l'un l'altro" :-)
>
> Periodo di prova del dev per 1 settimana/1 mese.
> Non considerare il remote come un male.
> Fare retrospettiva.
> Supportarsi da strumenti comunicativi adeguati.


+1 su tutto :)

S.
9daa9b4739a6e95078cbcfb624d7bb8e?d=identicon&s=25 David Welton (Guest)
on 2013-10-02 17:07
(Received via mailing list)
> Il modello Capobianco che ormai  abbastanza noto, o sbaglio ?
> http://prezi.com/vekgxh6drtbb/why-italy/

+1 - io sarei curioso di sapere perche` non investono piu` aziende in
Italia in questo modo: assumere un po' di programmatori non e` un
investimento 'pesante' tipo una fabbrica che una volta che l'hai
pagata sei legato al posto per N anni.

Una soluzione interessante, IMO e` fare il bootstrapping di un'azienda
che fa qualche prodotto di nicchia.  Io non ci vivo ancora con
LiberWriter.com ma i soldi non sono male, e io per vivere... ho anche
una famiglia.  Se fossi partito piu` presto con qualcosa del genere,
magari sarei dedicato al 100% alle cose mie a questo punto!

Ora come ora, e` piu` facile che mai lanciare una nuova attivita` se
hai le capacita` tecniche per creare qualche prodotto.

--
David N. Welton

http://www.welton.it/davidw/

http://www.dedasys.com/
054fb3d4fc53f1a1f99b751fc9c627f8?d=identicon&s=25 Sergio Berisso (Guest)
on 2013-10-02 17:18
(Received via mailing list)
Il giorno 02 ottobre 2013 17:07, David Welton <davidnwelton@gmail.com>
ha
scritto:

> > Il modello Capobianco che ormai  abbastanza noto, o sbaglio ?
> > http://prezi.com/vekgxh6drtbb/why-italy/
>
> +1 - io sarei curioso di sapere perche` non investono piu` aziende in
> Italia in questo modo: assumere un po' di programmatori non e` un
> investimento 'pesante' tipo una fabbrica che una volta che l'hai
> pagata sei legato al posto per N anni.
>

Bella domanda.
In USA per esempio non lo sanno (che volendo ci sarebbe personale ad hoc
qua) ?

Magari considerano il paese e gli abitanti per gli stereotipi
comunicativi
che arrivano ?
(belle donne, dolce vita, calcio, moda, food, territorio, storia ... no
high tech :)


> Una soluzione interessante, IMO e` fare il bootstrapping di un'azienda
> che fa qualche prodotto di nicchia.  Io non ci vivo ancora con
> LiberWriter.com ma i soldi non sono male, e io per vivere... ho anche
> una famiglia.  Se fossi partito piu` presto con qualcosa del genere,
> magari sarei dedicato al 100% alle cose mie a questo punto!
>
> Ora come ora, e` piu` facile che mai lanciare una nuova attivita` se
> hai le capacita` tecniche per creare qualche prodotto.


Concordo.

S.
0961ca62ee29e3ecfeec87b658f5328f?d=identicon&s=25 Graziano Felline (Guest)
on 2013-10-02 17:22
(Received via mailing list)
e secondo questo articolo di oggi hanno pure ragione

http://www.repubblica.it/economia/2013/10/02/news/...


Il giorno 02 ottobre 2013 17:18, Sergio Berisso
<sergio.berisso@gmail.com>ha scritto:
054fb3d4fc53f1a1f99b751fc9c627f8?d=identicon&s=25 Sergio Berisso (Guest)
on 2013-10-02 17:29
(Received via mailing list)
Il giorno 02 ottobre 2013 17:21, Graziano Felline <scream1988@gmail.com>
ha
scritto:

> e secondo questo articolo di oggi hanno pure ragione
>
>
>
http://www.repubblica.it/economia/2013/10/02/news/...


Beh ma se gli americani sono founder, executive, investor dirigono loro
la
baracca.
E possono fare come vogliono.
Pure trattare le persone (developer compresi) come in Svizzera.
Pure meglio (volendo :)

S.
0961ca62ee29e3ecfeec87b658f5328f?d=identicon&s=25 Graziano Felline (Guest)
on 2013-10-02 17:45
(Received via mailing list)
Non so se dice fesserie ma credo che se un'azienda decide di assumere un
italiano in Italia lo deve fare con un contratto di lavoro italiano e
pagando le tasse italiane.
E se quello che dico  vero, e se il sito su cui ho fatto i conti (
http://www.globallaboratory.it/pit/calcolo_costo_lavoro.htm) all'azienda
funziona si avrebbe una situazione del genere:

Prendo un bravo programmatore italiano e lo pago 2500 /mese (After tax)
 per 13 mensilit (un normale contratto indeterminato)
Al lavoratore entrano 2500 * 13 = 32500 /anno
Mentre l'azienda sborsa 83.940,67 /anno (omnicompresivi)

Quale azienda farebbe mai investimenti in Italia con questi presupposti?
E se a questo aggiungiamo che l'italiano tipo non si fa problemi ad
emigrare e che la situazione da noi precipita sempre pi (ergo sempre pi
gente  pronta ad andare via) l'imprenditore straniero sar portato a
investire da noi o ad attendere che siamo noi ad andare da lui (in un
paese
dove magari il costo del lavoro non  cos stratosferico)?


Il giorno 02 ottobre 2013 17:29, Sergio Berisso
<sergio.berisso@gmail.com>ha scritto:
054fb3d4fc53f1a1f99b751fc9c627f8?d=identicon&s=25 Sergio Berisso (Guest)
on 2013-10-02 17:58
(Received via mailing list)
Il giorno 02 ottobre 2013 17:44, Graziano Felline <scream1988@gmail.com>
ha
scritto:

> Non so se dice fesserie ma credo che se un'azienda decide di assumere un
> italiano in Italia lo deve fare con un contratto di lavoro italiano e
> pagando le tasse italiane.
>

Non necessariamente.
E' questo il bello del remote working :)

Semplicemente in Italia le varie srl, spa assumono con i contratti
italiani
(e relativi "pesi") perch non possono fare diversamente.
Magari per comodit dei proprietari, del top management.
Magari perch commercialisti, fiscalisti e consulenti vari li consigliano
cos.
O magari perch non sanno che potrebbero fare in altro modo, trovando
altre
soluzioni.

E se a questo aggiungiamo che l'italiano tipo non si fa problemi ad
> emigrare e che la situazione da noi precipita sempre pi (ergo sempre pi
> gente  pronta ad andare via) l'imprenditore straniero sar portato a
> investire da noi o ad attendere che siamo noi ad andare da lui (in un paese
> dove magari il costo del lavoro non  cos stratosferico)?
>

Forse a Londra, Berlino.
Ma per andare in USA a lavorare per esempio serve il visto.
Ed  appunto un problema per le aziende che hanno bisogno di lavoratori
specializzati.
E non li trovano anche per le difficolt di immigrazione.

S.
9208d64d5e8d71d879f4a598ee4da17b?d=identicon&s=25 Lorenzo Sicilia (Guest)
on 2013-10-02 18:11
(Received via mailing list)
il punto  produrre valore in senso stretto ($$$).
Il dev per produrre deve avere un business da far scalare.
In italia il business non scala per tanti ragioni.
Le tasse sono un problema per chi  in settori consolidati non in
quelli nuovi / innovativi o presunti tali.
Il punto  che non viene creato valore nuovo.

Quindi potete chiedere stipendi pi alti. Sacrosanto ma se il sistema
non fattura c' poco fa chiedere.

Soluzioni:
- immigrate
- imprenditoria

my 2 cents
ciao lo
054fb3d4fc53f1a1f99b751fc9c627f8?d=identicon&s=25 Sergio Berisso (Guest)
on 2013-10-02 18:46
(Received via mailing list)
Il giorno 02 ottobre 2013 18:11, Lorenzo Sicilia
<lorenzo.sicilia@gmail.com>ha scritto:

> Soluzioni:
> - immigrate
> - imprenditoria
>

:-)

+1

S.
0d4857c0bd9540f743afc22758a06c46?d=identicon&s=25 FleX (Guest)
on 2013-10-05 10:18
(Received via mailing list)
On 10/02/2013 05:44 PM, Graziano Felline wrote:
> Prendo un bravo programmatore italiano e lo pago 2500 /mese (After tax)
>  per 13 mensilit (un normale contratto indeterminato)
> Al lavoratore entrano 2500 * 13 = 32500 /anno
> Mentre l'azienda sborsa 83.940,67 /anno (omnicompresivi)
>

Semplicemente aberrante: IMHO questo e' il maggiore dei tanti problemi
--
FleX
Success is the maximum utilization of the ability that you have
[Linux User #347703 PGP Key ID: 98AA9D3E
FingerPrint: 7D25B 0CE4 898A 22CB F765  E2A5 88B7 4C5C 98AA 9D3E]
This topic is locked and can not be replied to.