Re: ricerca sviluppatori ruby on rails

Dai ragazzi non ricominciamo con queste cose :slight_smile:

Ogni tanto qualcuno pu sbagliarsi e scrivere risorse, non assaliamoli
come
al solito.

Il giorno 21 giugno 2013 10:18, Giovanni I. [email protected] ha
scritto:

Dai ragazzi non ricominciamo con queste cose :slight_smile:

Ogni tanto qualcuno pu sbagliarsi e scrivere risorse, non assaliamoli come
al solito.

Non devono sbagliare.

Non sono ammessi errori.

Come con la legge italiana :slight_smile:

Nel lavoro non esistono risorse ma persone.
E se non l’hanno ancora capito … peggio per loro :stuck_out_tongue:

S.

Ogni tanto qualcuno pu sbagliarsi e scrivere risorse, non assaliamoli come
al solito.

Se sbagliano a non mettere il luogo di lavoro, se non mettono cifre,
se la descrizione etroppo generico... sono cose da migliorare, ma 'risorse' mi da' fastidio. Che io sappia, ne in italiano, nein inglese (mi sa che la diffusione della parola avviene grazie al suo uso in inglese) non c'e un motivo buono per usare ‘risorse’ al posto
di ‘persone’.

Sicuramente la persona che ha scritto non ha grande colpa, sentira`
“risorse” dalla mattina alla sera in quell’ambiente, ma volevo solo
dire la mia!


David N. Welton

http://www.welton.it/davidw/

http://www.dedasys.com/

Chiedo venia se ho leso la dignit personale e professionale di qualcuno.

A mio modo di vedere la parola “risorsa” ha un’accezione positiva e non
negativa. Tutti siamo persone, ma in un contesto competitivo e dinamico
come quello odierno ed in relazione ad una determinata posizione solo
alcuni, per capacit, conoscenze e passione, possono essere considerati
delle risorse. Cercher di utilizzare da ora in poi “persone di talento”
anzich “risorse”.

Mi occupo di recruiting da anni dopo avere lavorato come tecnico per
altrettanti anni e non sono mai incorsa in una polemica del genere.
Ci vorrebbe un po’ pi di leggerezza e meno pregiudizi, soprattutto in un
momento di crisi e di difficolt di tanti, troppi settori, anche dell’IT.
Rispetto l’opinione di tutti e mi rendo conto che a volte gli annunci di
lavoro o di ricerca di “persone” sono offensivi nei confronti di chi sta
cercando un’opportunit, perch sembra che si stia cercando al mercato 1
kg di mele o di pere…
Basterebbe pensare che tutti stiamo lavorando e che rispettiamo gli uni
il lavoro degli altri.
Io e i colleghi diamo valore alle “persone” che incontriamo e sappiamo
che oltre alle competenze, cosidetti skill, ci sono anche gli aspetti
personali, motivazionali, ideali, di coscienza e altri elementi che ci
fanno essere persone e non macchine e che sono proprio questi che ci
differenziano gli uni dagli altri arricchendo il lavoro che svolgiamo.

Buon lavoro a tutti!

Carla O.
BRAIN FORCE S.p.A.
Via A.Volta, 16 - 20093
Cologno Monzese -MI- Italy
Office: +39 (0)2 25.44.27.540
Tel. Cellulare: +39 (0)3405723971
Fax: +39 (0)2 27300901
e-mail: [email protected]

Il giorno 21/giu/2013, alle ore 10:59, Carla O.
[email protected] ha scritto:

A mio modo di vedere la parola “risorsa” ha un’accezione positiva e non
negativa. Tutti siamo persone, ma in un contesto competitivo e dinamico come
quello odierno ed in relazione ad una determinata posizione solo alcuni, per
capacit, conoscenze e passione, possono essere considerati delle risorse.

perdonami, ma il pippone sul “contesto competitivo e dinamico []” lascia
pensare che il termine “risorsa” abbia un’accezione tipo: “ci servono
altri criceti da mettere sulla ruota”. capisco che per il lavoro che
fai, parlare di risorse corrisponde ad un guadagno, difficile dargli un
significato negativo :wink:

Cercher di utilizzare da ora in poi “persone di talento” anzich “risorse”.

senza sforzo, chiamarle persone (e trattarle come tali) sufficiente

Mi occupo di recruiting da anni dopo avere lavorato come tecnico per altrettanti
anni e non sono mai incorsa in una polemica del genere.

se ti sei occupata dei soliti sistemisti win/unix, programmatori VB, PHP
e Java, soprattutto nel tristissimo panorama italiano, lo credo bene :slight_smile:

comunque, non affatto una polemica, solo che hai postato il solito
annuncio impersonale, privo di dettagli, quasi a pretendere che quella
sia la forma corretta per un’offerta di lavoro seria. invece di trovare
altri giri di parole, magari il caso di fornire qualche dettaglio in
pi?

Ci vorrebbe un po’ pi di leggerezza e meno pregiudizi, soprattutto in un momento
di crisi e di difficolt di tanti, troppi settori, anche dell’IT.

cio stai dicendo di continuare a piegarci ad un mercato anomalo e
scorretto come quello dell’IT italiano?

il pesce puzza dalla testa, ribadisco: hai postato un’offerta generica,
identica ad altre mille, con il solito tono che va avanti da 15 anni,
per pretendi che venga trattata senza pregiudizi? offri una ragione per
capire che la tua offerta diversa :wink:

Rispetto l’opinione di tutti e mi rendo conto che a volte gli annunci di lavoro
o di ricerca di “persone” sono offensivi nei confronti di chi sta cercando
un’opportunit, perch sembra che si stia cercando al mercato 1 kg di mele o di pere

fuocherello

Basterebbe pensare che tutti stiamo lavorando e che rispettiamo gli uni il
lavoro degli altri.

esatto. mettiamolo in pratica con un buon annuncio :slight_smile:

Io e i colleghi diamo valore alle “persone” che incontriamo e sappiamo che oltre
alle competenze, cosidetti skill, ci sono anche gli aspetti personali,
motivazionali, ideali, di coscienza e altri elementi che ci fanno essere persone e
non macchine e che sono proprio questi che ci differenziano gli uni dagli altri
arricchendo il lavoro che svolgiamo.

bel discorsetto, sicura che lo pensi davvero? davvero, si cerca di
andare oltre il concetto di “piazzare la risorsa” e basta?

A.


http://andreapavoni.com

+1 su tatta la linea per Andrea :slight_smile:

2013/6/21 Andrea P. [email protected]

senza sforzo, chiamarle persone (e trattarle come tali) sufficiente
giri di parole, magari il caso di fornire qualche dettaglio in pi?
che la tua offerta diversa :wink:

oltre il concetto di “piazzare la risorsa” e basta?


Ml mailing list
[email protected]
http://lists.ruby-it.org/mailman/listinfo/ml


Riccardo

L’esperienza quello che ottieni quando non ottieni quello che desideri.

Il mio non voleva assolutamente essere un attacco personale o una
critica dell’annuncio: io credo che se un annuncio non e` scritto
bene, peggio per chi cerca persone. Volevo solo esprimere che non mi
piace la parola ‘risorse’ usata per ‘persone’.


David N. Welton

http://www.welton.it/davidw/

http://www.dedasys.com/

“i soliti sistemisti win/unix, programmatori VB, PHP e Java”?
Forse sono semplicemente “persone” che lavorano o che cercano un lavoro.
Con quest’ultima mail si confermata l’idea che mi sono fatta di buona
parte dei partecipanti alla lista.
Non aggiungo commenti.

La critica costruttiva

E’ importante rimproverare e correggere chi commette errori. Questo atto
è
la manifestazione della compassione e il primo dovere del samurai.
Ma è necessario sforzarsi di farlo in modo corretto. In effetti è facile
trovare qualità ed imperfezioni nella condotta di un’altra persona così
come criticarla. Molti si immaginano che sia un atto di gentilezza dire
agli altri ciò che non desiderano sentire e, se le critiche non sono ben
accolte, li considerano irrecuperabili.
Un simile modo di ragionare è irragionevole e dà gli stessi risultati
negativi che derivano dal mettere intenzionalmente qualcuno in imbarazzo
o
all’insultarlo. Spesso è solo un cattivo modo di liberarsi la coscienza.
Prima di esprimere una critica si deve essere certi che la persona sia
disposta ad accettarla, ed è necessario esserle diventati amici, aver
condiviso i suoi interessi ed essersi comportati in un modo tale da
ottenere la sua piena fiducia, così che presti fede alle nostre parole.
Poi
è necessario il tatto: bisogna scegliere il momento opportuno ed il modo
appropriato per formulare la critica, magari con una lettera o dopo un
incontro particolarmente piacevole, parlando prima dei propri difetti
per
condurre l’interlocutore a comprendere, senza sprecare più parole del
necessario.
Occorre lodare i suoi meriti, sforzarsi di incoraggiarlo, fargli
assumere
l’umore giusto, renderlo desideroso di osservazioni come l’assetato lo è
per l’acqua. A quel punto bisogna correggere i suoi errori.
La critica cotruttiva è una operazione delicata. So per esperienza che
le
cattive abitudini radicate sono difficili da estirpare.

(1, 14)
fonte: yamamoto tsunetomo, “hagakure, il libro segreto dei samurai”.

Il giorno 21 giugno 2013 10:59, Carla O.
[email protected]ha scritto:

Chiedo venia se ho leso la dignit personale e professionale di qualcuno.

Assolutamente nessuna offesa, lesione o altro :slight_smile:

A mio modo di vedere la parola “risorsa” ha un’accezione positiva e non

negativa. Tutti siamo persone, ma in un contesto competitivo e dinamico
come quello odierno ed in relazione ad una determinata posizione solo
alcuni, per capacit, conoscenze e passione, possono essere considerati
delle risorse. Cercher di utilizzare da ora in poi “persone di talento”
anzich “risorse”.

Basta persone.
Tutto l.

Risorse, skill, contesto competitivo e dinamico … ecc… sono solo
parole
da vecchio recruiting che ormai hanno perso senso.
Semplice e lineare.

Mi occupo di recruiting da anni dopo avere lavorato come tecnico per

altrettanti anni e non sono mai incorsa in una polemica del genere.

Apprezza la sincerit.
Non polemica.
Semplicemente gli altri lo pensano ma non lo dicono :wink:

Ci vorrebbe un po’ pi di leggerezza e meno pregiudizi, soprattutto in un

fanno essere persone e non macchine e che sono proprio questi che ci
differenziano gli uni dagli altri arricchendo il lavoro che svolgiamo.

Buon lavoro a tutti!

Buon lavoro anche a te.
Ci mancherebbe.

S.

Il giorno 21 giugno 2013 11:31, David W. [email protected] ha
scritto:

io credo che se un annuncio non e` scritto
bene, peggio per chi cerca persone.

+1

Volevo solo esprimere che non mi
piace la parola ‘risorse’ usata per ‘persone’

+100

Ed infatti non ha pi senso.

S.

Io non sono molto d’accordo con la polemica lessicale: allo stesso tempo
io
posso essere un programmatore, un filosofo, una persona, una risorsa e
uno
strumento. Credo che dipenda solo dal lessico a cui si abituati, quindi
non vedrei l’uso della parola “risorsa” come un’offesa personale. Alzi
la
mano chi non ha mai usato la parola “resources” all’interno della
propria
applicazione Rails :slight_smile:

L’unica cosa che mi sarebbe piaciuta vedere il range di offerta
economica, per il resto niente da dire!

Ju

–*
*M.Sc. Ju Liu
Card: http://zerp.ly/ju-liu

Societ Cooperativa weLaika
Corso Vigevano 14/B, 10154 Torino (TO), Italy
http://welaika.com - [email protected]

2013/6/21 Sergio B. [email protected]

Il giorno 21 giugno 2013 12:03, Ju Liu [email protected] ha scritto:

L’unica cosa che mi sarebbe piaciuta vedere il range di offerta
economica, per il resto niente da dire!

Appunto.
Mi quoto :slight_smile:

“E paragonati ad un qualsiasi annuncio di lavoro odierno su ml in UK,
Germany, USA … no comment.”

S.

Ciao,

tutto chiaro e corretto e siamo tutti d’accordo, ma per favore evitiamo
di spaventare
chi vuole inserire queste offerte in lista, anche perche’ come ho gia’
detto, e’ molto bello parlare ma ancora di piu’ fare!

Non facciamo sempre i pignoli perche’ se no finisce che chi vuole magari
offrire una opportunita’ (brutta o bella che sia) ci pensa due volte
prima di inserire un annuncio.

E chi ci perde? Secondo me, tutti.

Ciao,

Indrit

Il giorno 21 giugno 2013 11:48, Carla O.
[email protected]ha scritto:

“i soliti sistemisti win/unix, programmatori VB, PHP e Java”?
Forse sono semplicemente “persone” che lavorano o che cercano un lavoro.

Infatti.
Altri li considerano risorse.
In annunci di lavoro vecchi, datati, che lasciano il tempo che trovano.

E paragonati ad un qualsiasi annuncio di lavoro odierno su ml in UK,
Germany, USA … no comment.

Con quest’ultima mail si confermata l’idea che mi sono fatta di buona
parte dei partecipanti alla lista.
Non aggiungo commenti.

Va b

Era per aiutarti.
Grazie.

S.

Io ogni volta che vedo un’offerta di lavoro in questa mailing list mi ci
fiondo per ridere un po’.
Devo ammeterlo: sar anche triste ma divertente…forse perch come
quelle scenette tragicomiche poi sai sempre come vanno a finire :slight_smile:

Alessandro R.

2013/7/2 Indrit S. [email protected]