Rails configure?

Mmmm, allora: avrei bisogno che qualcuno mi spiegasse il funzionamento
delle configurazioni di Rails, ad esempio:

MyApp::Application.configure do
config.cache_classes = true
config.consider_all_requests_local = false
config.action_controller.perform_caching = true
config.action_dispatch.x_sendfile_header = “X-Sendfile”

end

Come vengono realizzate?
Spero sia abbastanza chiaro cosa non capisco…
Vorrei utilizzarle in un progetto…

Grazie infinite,
iwan

2012/3/1 Iwan B. [email protected]:

end

Come vengono realizzate?
Spero sia abbastanza chiaro cosa non capisco…

onestamente non si capisce tanto :slight_smile:
Intendi come fare una cosa in questo stile? Per cui tu possa fare, e.g.

Game.configure do
config.difficulty = :hard
config.players = 10
end

?
Se cos, sostanzialmente devi solo guardare il metodo #instance_eval
(o #class_eval, #module_eval a seconda di quel che preferisci).

Io personalmente preferisco lo stile con parametro esplicito.


twitter: @riffraff
blog (en, it): www.riffraff.info riffraff.blogsome.com
work: cascaad.com circleme.com

Volevo vedere e capire come viene realizzata la lettura della parte
contenuta nel blocco.
Vedo ad esempio che nel suo esempio Gabriele fa uso della variabile
‘config’ (in config.difficulty = :hard), mentre Luca non la usa…

Grazie!

Il fatto che nel tuo esempio originale la variabile config non venga
passata nel blocco significa che o definita appena prima del blocco
oppure un metodo che in scope, oppure ancora che un metodo della
classe/modulo/whatever che esegue l’eval del blocco.
Nel mio esempio, la classe a definire direttamente un’implementazione
di
method_missing, mentre nel “tuo” direi che questo oggetto “config” o fa
la
stessa cosa oppure le varie propriet sono effettivamente definite
esplicitamente.

Utilizzo fatto da poco del metodo in questione:
https://github.com/adhearsion/adhearsion/blob/develop/lib/adhearsion/menu_dsl/menu_builder.rb

Questa classe parsa un blocco del tipo che vedi sotto “Current
Implementation” qui: http://polysics.github.com/2011/12/01/menu-dsl.html

Luca

Io l’ho implementato anche in maniera completamente implicita, come:

App.config do
domain ‘foo.com’, :https => false
port ‘8976’
end

L’ho fatto cos principalmente per requisiti (me l’hanno chiesto), usando
class_eval e method_missing, ma col senno di poi l’oggetto esplicito e
le
assegnazioni danno un risultato molto pi pulito.

Luca

2012/3/2 Iwan B. [email protected]:

Volevo vedere e capire come viene realizzata la lettura della parte
contenuta nel blocco.
Vedo ad esempio che nel suo esempio Gabriele fa uso della variabile
‘config’ (in config.difficulty = :hard), mentre Luca non la usa…

fondamentalmente lo stesso, nel mio caso avresti fatto una cosa cos:
class App
Config = Struct.new(:foo, :bar, :baz)
attr_reader :config
def initialize
@config = Config.new
end
def configure_with_implicit_config(&block)
instance_eval &block
end
end

MyApp = App.new

MyApp.configure_with_implicit_config do
#questo codice eseguito nel contesto dell’oggetto MyApp, e accede
a @config tramite il suo accessor, come se le righe avessero

“self.” davanti

config.foo= ‘foo!’
config.bar= ‘bar!’
end

p MyApp

=> #<App:0x0000010086c440 @config=#<struct App::Config foo=“foo!”,
bar=“bar!”, baz=nil>>

oppure puoi passare config come parametro al blocco, che per me meglio:

def configure_with_explicit_config
yield config
end

MyApp.configure_with_implicit_config do |config|

nessun cambio di contesto

config.foo= ‘foo!’
config.bar= ‘bar!’
end

Il modo in cui fa luca usa come contesto l’oggetto config stesso, cio
sarebbe come fare

def configure_with_even_more_implicit_config(&block)
config.instance_eval(&block)
end

ma a questo punto non puoi usare la sintassi cos:

MyApp.configure_with_even_more_implicit_config do
foo = ‘foo!’
bar = ‘bar!’
end

perch ruby interpreta l’assegnamento come se fossero variabili
locali, non come se tu stessi invocando “self.foo=”
Infatti se diventi esplicito funziona:

MyApp.configure_with_even_more_implicit_config do

siccome hai fatto config.instance_eval qui self corrisponde a

config
self.foo = ‘foo!’
self.bar = ‘bar!’
end

e a questo punto il trick standard, come ha fatto luca, di non usare
la sintassi “=” ma di usare una sintassi che forzi ruby a interpretare
le cose come metodi, cio:

MyApp.configure_with_even_more_implicit_config do

siccome sembra un’invocazione di un

metodo “qualcosa” ruby lo interpreta cos
foo ‘foo!’
bar ‘bar!’
end

Per usare questo trick devi definirti i metodi per i vari attributi
(non puoi usare una Struct come ho fatto io che li definisce da se, n
attr_accessor), oppure lo stesso approccio di Luca, usi
#method_missing e viene una cosa cos

class App
class Config
def method_missing(name, *arguments, &block)
if arguments.size != 1 && block.nil?
super
else
instance_variable_set “@#{name}”, arguments.first
end
end
end
attr_reader :config
def initialize
@config = Config.new
end
def configure_with_more_implicit_config(&block)
config.instance_eval &block
end
end

MyApp = App.new

MyApp.configure_with_more_implicit_config do
foo ‘foo!’
bar ‘bar!’
end

p MyApp


twitter: @riffraff
blog (en, it): www.riffraff.info riffraff.blogsome.com
work: cascaad.com circleme.com

+10.

Questa non una risposta, un articolo :slight_smile:

2012/3/2 gabriele renzi [email protected]

attr_reader :config

=> #<App:0x0000010086c440 @config=#<struct App::Config foo=“foo!”,
config.foo= ‘foo!’
end
Infatti se diventi esplicito funziona:

#method_missing e viene una cosa cos
end
MyApp = App.new


twitter: @riffraff
blog (en, it): www.riffraff.info riffraff.blogsome.com
work: cascaad.com circleme.com


Ml mailing list
[email protected]
http://lists.ruby-it.org/mailman/listinfo/ml


Andrea R.
Lelylan | reThink your house
http://lelylan.com

Grazie! Era proprio quello che volevo sapere.

Ho solo un dubbio:
MyApp.configure do

Sembra che ‘configure’ sia un metodo di classe… ma MyApp è un oggetto,
il cui nome convenzionalmente inizia con una lettera minuscola.

Ma sospetto che quanto ti hai descritto possa valere anche per
configurare attributi di classe. No?

Buon weekend

iwan

#configure in quel caso un metodo di classe, definito come
self.configure.
Cosa faccia poi non si sa, probabilmente imposta delle variabili di
istanza
sulla classe (che sono meglio delle @@) e poi probabilmente con un
block_given? se non gli passi un blocco ti ritorna la config.
E’ un’ottima maniera di rendere globale una configurazione senza
“sporcare”.

2012/3/2 Iwan B. [email protected]:

Grazie! Era proprio quello che volevo sapere.

Ho solo un dubbio:
MyApp.configure do

Sembra che ‘configure’ sia un metodo di classe… ma MyApp un oggetto,
il cui nome convenzionalmente inizia con una lettera minuscola.

gi ti ha risposto Luca su come fare per i metodi di classe, ma giusto
una precisazione: la convenzione non

classe -> maiuscolo
istanza della classe -> minuscolo

perch avrebbe poco senso, le classi sono oggetti come gli altri in ruby
:slight_smile:

La convenzione
costante -> maiuscolo
variabile locale -> minuscolo

Poi chiaramente le due cose vanno a sovrapporsi: in generale le classi
sono costanti quindi ruby ti impedisce come sintassi di scrivere

class
classe_con_nome_minuscolo_che_mi_farebbe_odiare_dalla_comunit_per_aver_infranto_le_convenzioni
end

E al contempo fa si che le classi siano disponibili quando fai require
di un file (mentre le variabili locali non lo sono)

Ma puoi fare tranquillamente

myclass = Class.new do

^o^

end

o

MySingleton = Something.new


twitter: @riffraff
blog (en, it): www.riffraff.info riffraff.blogsome.com
work: cascaad.com circleme.com

This forum is not affiliated to the Ruby language, Ruby on Rails framework, nor any Ruby applications discussed here.

| Privacy Policy | Terms of Service | Remote Ruby Jobs