Forum: Italian Ruby user group A proposito di siti multilingua

Announcement (2017-05-07): www.ruby-forum.com is now read-only since I unfortunately do not have the time to support and maintain the forum any more. Please see rubyonrails.org/community and ruby-lang.org/en/community for other Rails- und Ruby-related community platforms.
421f0a0ddf91f441710930ae777923eb?d=identicon&s=25 Roberto Casadei (robyonrails)
on 2006-12-27 21:31
Se io decidessi di creare un sito sia in italiano che in inglese (i18n e
l10n), devo "prevedere" questa funzionalità e progettare in prospettiva
dall'inizio o posso posticipare la relativa applicazione?
7de465f222e6a9c7fe658e370d0bfe05?d=identicon&s=25 Paolo Montrasio (pmontrasio)
on 2006-12-28 00:50
Ti consiglio caldamente di farlo da subito, altrimenti dovrai poi
ripassare a freddo tutto il codice inserendo l'i18n ovunque. Non solo ti
scapperanno dei pezzi, ma la motivazione sarà bassissima e alle volte
non ti sarà neppure chiaro cosa devi scrivere nelle traduzioni. Una
volta mi è capitato ed è stato un dramma. Invece diluendo lo sforzo di
i18n mano a mano che scrivi il codice, ti troverai un'applicazione
internazionalizzata senza neppure accorgertene.
9daa9b4739a6e95078cbcfb624d7bb8e?d=identicon&s=25 David Welton (Guest)
on 2006-12-28 11:27
(Received via mailing list)
> Ti consiglio caldamente di farlo da subito, altrimenti dovrai poi
> ripassare a freddo tutto il codice inserendo l'i18n ovunque. Non solo ti
> scapperanno dei pezzi, ma la motivazione sarà bassissima e alle volte
> non ti sarà neppure chiaro cosa devi scrivere nelle traduzioni. Una
> volta mi è capitato ed è stato un dramma. Invece diluendo lo sforzo di
> i18n mano a mano che scrivi il codice, ti troverai un'applicazione
> internazionalizzata senza neppure accorgertene.

Hrm... non va tanto bene cosi`, secondo me.  Sarebbe molto piu` agile
fare prima una lingua, e poi aggiungere senza tanta fatica una
seconda.  E` un peccato se non e` poi cosi` facile, e richiede della
progettazione 'up front'.

--
David N. Welton
 - http://www.dedasys.com/davidw/

Linux, Open Source Consulting
 - http://www.dedasys.com/
4f4122bc3b9999d9050f0b1a10b63251?d=identicon&s=25 Andrea Reginato (reis)
on 2006-12-28 11:45
(Received via mailing list)
On 12/27/06, Roberto Casadei <robyonrails@katamail.com> wrote:
>
> Se io decidessi di creare un sito sia in italiano che in inglese (i18n e
> l10n), devo "prevedere" questa funzionalità e progettare in prospettiva
> dall'inizio o posso posticipare la relativa applicazione?
>

Personalmente non ho mai provato ad aggiungere una seconda lingua in
corsa,
ma utilizzando
Globalize<http://www.therubymine.com/articles/2006/10/16/le-...
dovresti avere particolari problemi. Se non è un'applicazione di
grandi
dimensioni puoi farlo tranquillamente in un secondo momento for me ;-)

--
Andrea Reginato

: : i'm a miner : : | therubymine.com
9daa9b4739a6e95078cbcfb624d7bb8e?d=identicon&s=25 David Welton (Guest)
on 2007-08-06 17:04
(Received via mailing list)
Tirando fuori un vecchio argomento....

Se ho capito bene, per lavorare con Globalize, uno deve convertire
tutti i view in codice simile:

<%= "big long paragraph of text blah blah blah blah".t %>

Con la traduzione nel database?

Hrm.  Mi convince poco...

On 12/28/06, Andrea Reginato <andrea.reginato@gmail.com> wrote:
> grandi
>
--
David N. Welton
http://www.welton.it/davidw/

DedaSys LLC
http://www.dedasys.com
This topic is locked and can not be replied to.